GIMP e Krita sono entrambi in cima alle rispettive categorie nello spazio del software gratuito, con GIMP che è di gran lunga il miglior editor di foto gratuito e Krita probabilmente la migliore app di pittura digitale. Tuttavia, Krita ha introdotto molte intriganti funzionalità di fotoritocco nella sua app che hanno portato le persone a chiedersi: "Krita è un editor di foto gratuito migliore di GIMP?" In questo articolo, darò un'occhiata alle funzionalità di fotoritocco di Krita per vedere come il programma si confronta con GIMP come editor di foto. Puoi guardare la versione video di questo confronto direttamente qui sotto o saltarla per continuare con l'articolo.

Negli ultimi anni, Krita ha consolidato il suo posto nel mondo del software libero creando una piattaforma di pittura digitale ricca di funzionalità orientata agli artisti. Il Sito web di Krita afferma che il software è fatto per "concept art, texture e matte painter, [e] illustrazioni e fumetti". Tuttavia, Krita è anche riuscita a incorporare alcune funzionalità di fotoritocco più avanzate come i livelli di regolazione, il supporto CMYK, la selezione multistrato e la possibilità di aprire le immagini RAW. Queste sono tutte funzionalità che gli utenti di GIMP aspettavano da molto tempo. Quindi, ora che queste funzionalità sono in Krita, questo rende Krita migliore nel fotoritocco rispetto a GIMP?

Non esattamente.

Sebbene sia una svolta che Krita sia stata in grado di introdurre tutte queste funzionalità avanzate prima che GIMP potesse raggiungere la stessa impresa, il programma ha ancora alcuni ostacoli quando si tratta di alcune comuni attività di fotoritocco. Inoltre, quando guardi più da vicino le regolazioni dei livelli e l'elaborazione RAW in Krita, sono piuttosto basilari in termini di funzionalità e, in alcuni casi, lenti in termini di prestazioni.

Prima di andare oltre, questo è un rapido disclaimer e promemoria che sto solo analizzando le capacità di fotoritocco di Krita rispetto a GIMP e non analizzando Krita come un programma nella sua interezza. Essendo una persona che NON può assolutamente dipingere, digitalmente o in altro modo, non mi sento qualificato in questo momento per valutare completamente il software di pittura digitale, che è principalmente Krita.

Come GIMP, Krita (nella foto sopra) ha uno strumento di trasformazione e altro per il fotoritocco di base.

Inizierò questa valutazione con un rapido elenco di ciò che Krita ha in comune con GIMP. Come GIMP, Krita ha strumenti di modifica di base come uno strumento di trasformazione, uno strumento di ritaglio, uno strumento "patch intelligente" per la rimozione di macchie di base, strumenti di pittura (ovviamente) e strumenti di tracciamento e selezione. Ha un sistema di livelli con gruppi di livelli e maschere di livello. Infine, ha diversi filtri per effettuare regolazioni di base dell'immagine o aggiungere effetti.

Ma diamo un'occhiata più approfondita alle funzionalità che distinguono Krita e GIMP, a partire dai livelli di regolazione.

Sì, Krita ha livelli di regolazione. Puoi aggiungere un livello di regolazione facendo clic sulla freccia a discesa nella parte inferiore della finestra mobile livelli (freccia rossa nell'immagine sopra), che è ciò che Krita chiama il suo pannello livelli o finestra di dialogo livelli, quindi facendo clic su "Filtro livello" (freccia blu) . Questo farà apparire una finestra di dialogo Filtro che ti consente di aggiungere uno qualsiasi dei filtri di Krita come livello filtro, che è il loro termine sinonimo per livello di regolazione.

Qualcosa che mi piace di questo dialogo (delineato in rosso nell'immagine sopra) è che puoi scorrere rapidamente tutti i filtri e ottenere un'anteprima dal vivo di come apparirà l'effetto sulla tua immagine. Ci sono anche una discreta quantità di filtri qui, inclusi scherma, brucia, regolazione del colore e filtri di regolazione dell'immagine dei livelli, filtri artistici e sfocatura come un filtro Mezzitoni e Sfocatura gaussiana e filtri di nitidezza comuni come Maschera di contrasto.

Tuttavia, ci sono molte cose che non mi piacciono di questo dialogo o degli aggiustamenti di Krita in generale, con la maggior parte delle mie lamentele che hanno a che fare con l'esperienza dell'utente.

Ad esempio, farò clic sulla regolazione "Livelli" (freccia rossa nell'immagine sopra), che è una delle regolazioni più comuni da aggiungere a un'immagine. Noterai subito che l'istogramma non viene visualizzato correttamente qui (freccia blu).

Tuttavia, se applichi la regolazione Livelli facendo clic su "OK", quindi fai clic con il pulsante destro del mouse sul livello di regolazione e scegli "proprietà" (freccia rossa nell'immagine sopra), la regolazione dei livelli verrà visualizzata in una finestra di dialogo separata e l'istogramma ora viene visualizzato.

Questo è anche il caso se aggiungo una regolazione dei livelli andando su Filtri> Regola> Livelli (come nella foto sopra), sebbene questo metodo regoli i livelli dell'immagine direttamente sull'immagine anziché su un livello di regolazione.

Inoltre, è possibile modificare solo il canale “valore” dei livelli e non i singoli canali colore. Questo non è un grosso problema in quanto ci sono altri strumenti come il filtro Bilanciamento colore o il filtro Regolazione colore che ti consentono di modificare i colori nell'immagine, ma è una funzione piuttosto semplice e comunemente usata dello strumento livelli.

Inoltre, questo filtro richiede che tu rilasci il mouse per vedere le modifiche, quindi non puoi far scorrere i valori per vedere i risultati in tempo reale delle tue regolazioni come in GIMP. Invece, devi trascinare (freccia rossa nell'immagine sopra) e rilasciare, attendere che il risultato venga generato, quindi ripetere. Ciò può causare modifiche imprecise e anche aggiungere tempo al flusso di lavoro. E, secondo me, è solo un po' fastidioso.

Lo strumento per i livelli di GIMP è un po' più intuitivo. Quando aggiunto a un'immagine andando su Colori> Livelli, la finestra di dialogo del filtro (contorno blu nell'immagine sopra) mostra l'istogramma, mostra le tue regolazioni sull'immagine in tempo reale (freccia rossa) mentre arriva anche con una "vista divisa" opzione di anteprima e consente di regolare il canale del valore e ciascuno dei singoli canali di colore. In altre parole, è uno strumento di livelli completamente funzionale, anche se le modifiche finali avvengono direttamente sull'immagine e non su un livello di regolazione.

Guardando tutti i filtri Filter Layer in generale in Krita, non esiste un'anteprima del filtro per ottenere un rapido "prima" e "dopo" delle tue regolazioni. Ottieni un'anteprima in tempo reale del filtro sulla tua immagine, ma non puoi attivarlo e disattivarlo, almeno non per impostazione predefinita. La cosa strana è che se vado nel menu Filtri e faccio clic su "Sfocatura> Sfocatura gaussiana", ad esempio, in questo caso viene visualizzata una casella di controllo dell'anteprima (freccia rossa nell'immagine sopra). Ma, ancora una volta, l'aggiunta di filtri da questo menu è distruttiva, il che significa che le regolazioni o gli effetti si verificano direttamente sull'immagine e non su un livello di regolazione.

Quindi non sono sicuro del motivo per cui c'è una discrepanza tra i livelli di filtro e i filtri applicati in modo distruttivo all'immagine, ma la discrepanza è presente.

Inoltre, non puoi ingrandire la tua foto mentre applichi un livello filtro in Krita: sei bloccato al livello di zoom a cui ti trovi quando apri la finestra di dialogo Livello filtro. Ancora una volta, lo zoom funziona quando si applica un filtro distruttivo, ma non per i livelli di filtro. In GIMP, puoi ingrandire e rimpicciolire per vedere meglio le tue modifiche e controllare gli artefatti quando usi uno dei filtri principali. Ancora una volta, poiché Krita utilizza filtri o livelli di regolazione, puoi sempre applicare il filtro, ingrandire, quindi modificare di nuovo le impostazioni del filtro in qualsiasi momento. Ma questi passaggi extra tendono a sommarsi quando si modificano molte immagini o si apportano molte modifiche a una singola immagine.

La mia ultima lamentela riguardo ai filtri di Krita è che molti di loro non hanno cursori per apportare modifiche al filtro o ai valori degli effetti. Invece, hai campi numerici e frecce per regolare i tuoi valori (freccia rossa nell'immagine sopra - dimostrata con il filtro "Pittura a olio"). Questo è in realtà abbastanza diffuso in molti dei filtri in Krita, il che significa che Krita difficilmente ti dà un feedback immediato quando stai modificando le impostazioni, e invece devi digitare manualmente i valori o fare clic sulle frecce e attendere il risultato. Questo processo può essere piuttosto noioso rispetto a un semplice sistema di slider, come quello utilizzato in GIMP.

Passiamo all'apertura delle immagini RAW in Krita. Userò un file CR2 dalla mia Canon 7D, che è visibile nella mia sezione "Documenti recenti" (freccia rossa nell'immagine sopra - questo screenshot è stato preso nella mia schermata di benvenuto). Posso fare doppio clic su questo collegamento per aprire l'immagine e questo farà apparire una piccola finestra di dialogo.

La prima cosa che ho notato quando questo dialogo si è aperto è che l'anteprima dell'immagine sul lato destro è piuttosto piccola e taglia una porzione significativa dell'immagine (freccia rossa nell'immagine sopra). Puoi scorrere verso l'alto o verso il basso per l'intera altezza dell'immagine, ma non per tutta la larghezza dell'immagine.

Inoltre, le impostazioni qui sono piuttosto tecniche, specialmente per i nuovi utenti, quindi ci vorrà un po' di ricerca per capire come tutte queste impostazioni influenzeranno la tua immagine (contorno blu nell'immagine sopra).

La buona notizia è che c'è un piccolo pulsante "aggiorna" in basso per aggiornare l'anteprima dell'immagine in modo da poter vedere le modifiche che le tue impostazioni produrranno sull'immagine finale prima di completare questo passaggio. Ad esempio, cambierò il menu a discesa "In evidenza" in "Unclip" (freccia rossa nell'immagine sopra), quindi farò clic su Aggiorna (freccia blu). Questa impostazione rende la mia immagine molto più scura. Riporterò questa impostazione al valore predefinito e cliccherò nuovamente su "Aggiorna". Farò clic su OK per applicare l'elaborazione alla mia immagine.

Una cosa che dirò è che, nonostante l'interfaccia RAW sia un po' complicata per i principianti, i valori predefiniti per la visualizzazione dell'immagine RAW producono un risultato abbastanza accurato pur richiedendo poco o nessun input da parte dell'utente. Quindi, non devi fare nulla per aprire la tua foto RAW non modificata in Krita: vai semplicemente con i valori predefiniti e fai clic su OK. È importante notare che Krita ha dichiarato esplicitamente su Twitter che NON è un processore RAW e che il software consente semplicemente agli utenti di aprire immagini RAW nel programma.

Con GIMP, d'altra parte, non puoi aprire le immagini RAW direttamente nel programma. Devi elaborarli prima attraverso un altro processore RAW come Darktable o RAWTherapee. Sebbene questo processo sia abbastanza semplice una volta appreso, richiede il download di software aggiuntivo e l'impostazione del software per aprire le immagini RAW elaborate in GIMP. Ma poiché Krita non è un processore RAW, dovresti comunque scaricare almeno una di queste app se desideri modificare correttamente le tue foto RAW e sfruttare i vantaggi della modifica delle immagini RAW.

Ho un intero tutorial dedicato a mostrarti come configurarlo con Darktable e GIMP, così come a corso su come modificare le tue immagini RAW con Darktable, quindi dai un'occhiata a queste risorse se sei interessato.

Cambio di marcia ora: voglio parlare del disegno vettoriale in ciascuno di questi programmi. E so cosa stai pensando: il disegno di forme vettoriali non è il fotoritocco. Questo è vero, ma è uno strumento utile quando si progettano elementi grafici che si sovrappongono a una foto. Gli strumenti di forma vettoriale stanno diventando standard anche su altri editor di foto come Affinity Photo o Photoshop e sono stati molto richiesti dagli utenti di GIMP.

Quando si tratta di lavorare con i vettori, Krita ha il sopravvento su GIMP. Sebbene Krita non abbia una scheda Tracciati tradizionale come quella che troveresti in GIMP, ti consente di disegnare percorsi e forme vettoriali che sono entrambi modificabili in qualsiasi momento durante il tuo flusso di lavoro.

Per sfruttare questa funzionalità, devi prima creare un "Livello vettoriale", che è diverso dal "Livello pixel" standard che le immagini si aprono come per impostazione predefinita, facendo clic sulla piccola freccia in giù nella finestra mobile dei livelli (freccia rossa in l'immagine sopra) e scegliendo "Vector Layer" (freccia blu).

Quando questo livello è attivo (freccia blu nell'immagine sopra), qualsiasi forma disegnata con lo strumento forme o curve (freccia gialla) sarà modificabile utilizzando lo "strumento seleziona forme" (freccia rossa) o lo "strumento modifica forme". Sebbene nel caso del disegno di forme, devi prima convertire le forme in tracciati all'interno della finestra mobile Opzioni strumento per poter modificare i nodi di ciascuna forma con lo strumento Modifica forme. Quindi, l'esperienza utente per disegnare vettori in Krita è un po' complicata, ma una volta capito è davvero utile.

GIMP può disegnare forme utilizzando gli strumenti di selezione delle forme (freccia rossa nell'immagine sopra), nonché disegnare percorsi con lo strumento Percorsi, con i percorsi modificabili nella scheda Percorsi (freccia blu) e le aree di selezione che possono essere convertite in percorsi per ulteriori modifiche (freccia gialla).

Inoltre, tutti gli strumenti di trasformazione di GIMP sono dotati di modalità che consentono di trasformare sia le selezioni che i percorsi: di cui puoi imparare di più in questo tutorial sulle selezioni di ridimensionamento.

Ma GIMP non ha uno strumento di disegno di forme vettoriali dedicato. Questo per dire che GIMP ha alcune soluzioni alternative per disegnare e modificare l'equivalente delle forme vettoriali, ma Krita ha strumenti dedicati per le forme vettoriali che possono essere modificati in tempo reale sulla tua composizione, che è ciò che le persone si aspettano dagli strumenti di disegno delle forme.

C'è un filtro integrato chiamato GFIG in GIMP che ti permette di disegnare e modificare forme vettoriali, che Tratto in un tutorial dedicato, ma il filtro è attualmente difettoso e non è intuitivo come avere semplicemente strumenti di disegno di forme vettoriali incorporati.

Disegno di forme vettoriali a parte, ho menzionato un paio di volte in questo articolo che Krita offre un sistema di livelli, così come GIMP. Entrambi offrono anche la possibilità di applicare maschere di livello, il che aiuta con cose come la rimozione dello sfondo sulle immagini o semplicemente la creazione di aree di trasparenza sulle foto. Ad esempio, per accedere alle maschere di livello di Krita, chiamate "maschere di trasparenza", fai clic sulla freccia a discesa nella parte inferiore del pannello dei livelli e fai clic su "Maschera di trasparenza".

Tuttavia, uno svantaggio di Krita è che non ha uno strumento di cancellazione dello sfondo dedicato. GIMP ha lo strumento di selezione in primo piano ad alta potenza per selezionare rapidamente un soggetto in primo piano da uno sfondo, che è molto efficace nella rimozione dello sfondo, e lo strumento percorsi, che è anche molto adatto a questo compito, ma Krita non ha davvero un potente strumento di selezione intelligente o davvero nessuno strumento che eccellere con la rimozione dello sfondo. Puoi dipingere manualmente lo sfondo usando un pennello e una maschera di livello, oppure puoi usare la funzione Estrazione interattiva del primo piano del filtro G'MIC integrata (nella foto sopra), ma queste opzioni sono un po' noiose rispetto alle opzioni di GIMP. GIMP eccelle decisamente su Krita quando si tratta di rimuovere lo sfondo delle immagini e quando si tratta di avere strumenti di fotoritocco dedicati.

Una cosa importante che voglio notare su Krita è che, come ho appena accennato, viene fornito con il Plugin G'MIC integrato nel programma per impostazione predefinita. Questo per me è un enorme vantaggio per una serie di motivi. Per uno, gli utenti non devono installare manualmente G'MIC sul proprio computer e software come fanno per GIMP. In secondo luogo, gli utenti non devono preoccuparsi se G'MIC funzionerà per il loro sistema operativo o la versione corrente del programma, poiché recentemente è diventato un problema con GIMP e le loro build MAC. Infine, G'MIC ha tonnellate di fantastiche funzioni di fotoritocco integrate e effetti di manipolazione delle foto, quindi il plug-in estende le capacità di fotoritocco di Krita tanto quanto fa per GIMP. Quindi, gli utenti di Krita possono trarre vantaggio da questo fantastico plug-in senza affrontare alcuni dei mal di testa che derivano dall'installazione manuale del plug-in.

Un'altra cosa degna di nota è che, come Affinity Photo e Photoshop, Krita ti dà la possibilità di cambiare il tuo spazio di lavoro in base a ciò per cui stai utilizzando il programma (freccia rossa nell'immagine sopra).

Detto questo, al momento il programma non fornisce uno spazio di lavoro "Photo Editing", il che penso sottolinei che Krita non si identifica principalmente come un'app di fotoritocco. In effetti, per quanto ne so, le capacità di fotoritocco di Krita sono principalmente orientate verso i pittori digitali che importano i loro disegni nel programma. Possono quindi utilizzare le funzionalità di modifica di Krita per migliorare i disegni, comprese le linee e i colori nei disegni, rendendoli così più facili da vedere nel programma mentre vengono referenziati durante il processo di pittura digitale. Penso che Krita sia molto ben costruito per questo scopo.

L'ultima cosa di cui voglio parlare su Krita come editor di foto è che può modificare le immagini negli spazi colore CMYK. Puoi farlo facilmente andando su Immagine> Converti spazio colore immagine (come mostrato nell'immagine sopra) e scegliendo "CMYK/Alpha" dal menu a discesa (freccia blu nell'immagine sotto).

La modifica in uno spazio colore CMYK è utile per garantire che i colori vengano visualizzati in modo accurato quando vengono stampati utilizzando una stampante a colori CMYK. Modificando le immagini in CMYK, puoi assicurarti che il prodotto finale abbia l'aspetto desiderato anziché modificare la foto in uno spazio colore RGB, quindi eseguire la prova colore con un profilo colore CMYK - che è quello che fai di solito in GIMP. Krita ti consente anche di scegliere tra una varietà di profili CMYK integrati, utili per ottenere i colori giusti in base al supporto esatto su cui stai stampando.

La mancanza di pieno supporto CMYK da parte di GIMP è stata un grosso punto dolente per molti utenti per molti anni, quindi averlo disponibile in Krita non è un risultato da poco.

Quindi, per riassumere questo confronto, vediamo dove i due programmi, GIMP e Krita, eccellono se confrontati direttamente l'uno con l'altro. Krita eccelle con l'inclusione di funzionalità popolari come i livelli di regolazione, il supporto completo CMYK, gli strumenti di disegno di forme vettoriali e la capacità di aprire immagini RAW. E sarebbe negligente da parte mia non menzionare che Krita eccelle anche con le sue funzionalità di animazione, anche se questo non è del tutto rilevante per questo articolo.

GIMP, d'altra parte, eccelle con la sua ampiezza di funzioni di regolazione foto, filtri ed effetti, le sue prestazioni complessive quando si lavora con le immagini, specialmente quando si lavora con strumenti e filtri di regolazione, le sue capacità di manipolazione delle foto per cose come la rimozione dello sfondo e la composizione di foto, e infine la sua selezione di strumenti dedicati alle attività di fotoritocco, ritocco e manipolazione.

Krita è principalmente un software di pittura digitale con alcune fantastiche funzionalità di fotoritocco. E penso che si possa dire il contrario per GIMP: GIMP è principalmente un editor di foto con alcune fantastiche funzionalità di pittura digitale. Anche se, onestamente, penso che il divario tra GIMP e Krita come software di pittura digitale sia minore del divario tra GIMP e Krita come software di fotoritocco.

Quindi, Krita è un editor di foto migliore di GIMP? Secondo me no. Ma è ancora un software davvero fantastico che consiglio vivamente a chiunque di provare. La buona notizia è che entrambi i programmi sono gratuiti, quindi non ti costerà nulla provarli personalmente e vedere cosa preferisci.

Questo è tutto per questo articolo! Se ti è piaciuto, puoi dare un'occhiata al mio altro Tutorial su GIMP, Guida di GIMP Articolio accedi a più contenuti diventando a Membro DMD Premium!

Pin It on Pinterest